ANTICHI MESTIERI

antichimestieri

Il progetto, finanziato dalla Regione Sardegna con i fondi europei, è nato con l’intento di incrementare l’occupazione nell’ambito dei mestieri tradizionali di qualità a rischio di estinzione; favorire lo sviluppo di produzioni di nicchia, dirette ad una clientela selezionata ed interessata agli elementi della tradizione artistica del territorio teatro dell’intervento; favorire l’interscambio di competenze fra gli antichi mestieri operanti in settori comuni; stimolare il ricambio generazionale, anche attraverso il trasferimento delle competenze maturate dai maestri artigiani nel corso della propria esperienza professionale ai giovani destinatari dell’intervento; agevolare il collegamento tra gli interventi di formazione professionale programmati dalle Pubbliche Amministrazioni competenti a sostegno del recupero e della salvaguardia degli antichi mestieri e quelli inerenti al settore turistico-artigianale, anche in un’ottica di integrazione tra i fondi del FSE e del FESR; mettere a frutto le professionalità acquisite per creare nuove iniziative imprenditoriali nel settore di riferimento, anche con l’ausilio degli incentivi finalizzati all’autoimprenditorialità allo studio della Regione Sardegna.

L’intervento è stato articolato con momenti di formazione d’aula alternati con lo svolgimento di uno stage formativo, realizzato presso le botteghe o imprese artigiane che hanno aderito al progetto, e prevedeva anche un’attività di consulenza ed accompagnamento individuale per la creazione di impresa, volto ad affiancare i destinatari, attraverso idoneo supporto tecnico, nella formulazione di idee progettuali da “trasformare” in business plan.
I destinatari dell’iniziativa erano maggiorenni disoccupati o inoccupati, ai quali è stata offerta l’opportunità di inserirsi nel mondo professionale attraverso l’acquisizione degli strumenti e delle competenze teoriche e pratiche necessarie alla realizzazione di manufatti di qualità, secondo le antiche e tradizionali lavorazioni, proprie di settori produttivi di nicchia.

Tecnico della lavorazione artistica del ferro e altri metalli non nobili
I partecipanti, nel corso dell’esperienza all’interno del laboratorio artigiano, hanno imparato a forgiare e modellare il ferro e altri metalli e realizzato con grandi abilità manufatti funzionali e decorativi, complementi di arredo e altri oggetti interpretando in modo creativo l’arte tradizionale.

Tecnico della tessitura tradizionale
I corsisti hanno acquisito le competenze per produrre con l’utilizzo del telaio tappeti e manufatti: dalla preparazione delle materie prime, delle tinture e delle colorazioni dei tessuti fino alla realizzazione di prodotti unici ed originali, coniugando la tradizione artigianale con innovazione e creatività.

A conclusione del progetto, i corsisti hanno raccontato in un convegno tenuto a Bonorva, la loro esperienza assieme ai maestri artigiani che li hanno accompagnati in un percorso teorico-pratico di acquisizione di competenze e trasferimento di saperi dell’artigianato artistico tradizionale. Nell’occasione è stata allestita un’esposizione dei manufatti realizzati dai corsisti con l’accompagnamento dei maestri artigiani.